6 Marzo, festa della Madonna di Costantinopoli in Cattedrale

Si festeggerà il prossimo 6 marzo la festa della Madonna di Costantinopoli venerata in Cattedrale.

Il culto alla Vergine si concentra attorno alla tavola raffigurante la Madonna e il Bambino, posta nell’altare dell’abside di destra.

Nell’opera, attribuita al monogrammista ZT e datata al 1539, la Vergine, a mezza figura, sorregge il Bimbo benedicente indicandolo con la mano destra, secondo la classica rappresentazione dell’Odegitria (colei che indica la via). Sullo sfondo della scena, un drappo rosso con bordo dorato a motivi vegetali e un fondo azzurro cosparso di fiori. L’opera è posta in una cornice della stessa epoca recante, in basso al centro, lo stemma della famiglia committente del dipinto, la famiglia Pagano – De Leo. L’opera proviene dall’altare della cappella dedicata alla Madonna di Costantinopoli. Questa cappella, assieme a quelle dell’Addolorata, dei SS. Medici, di S. Michele e della Madonna di Pompei, si trovava lungo la navata destra e fu abbattuta all’inizio del ‘900.

La Vergine di Costantinopoli era venerata anche nella Chiesa quattrocentesca di Sant’Angelo (la seconda sorta sul sito). Un quadro della Madonna si venerava sull’altare di patronato della famiglia Fenicia. Nel tempo fu costruita, dove attualmente insiste l’ala nuova dell’ospedale, una Cappellina col quadro dell’Odegitria. Negli anni ’70 del secolo scorso, questa cappellina fu abbattuta e, a ricordo di tale distruzione, si costruì l’edicola che adesso esiste all’incrocio tra Via 1° Maggio e corso Piave collocandovi lo stesso quadro della vecchia cappella.

Per le note sulla venerazione nella Chiesa di Sant’Angelo si ringrazia Cleto Bucci.

Foto dell’edicola  di Domenico Basile.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Ritorna il Concorso fotografico "Un Click sulla tua Settimana Santa" Successivo Festa di San Giuseppe: note sulla statua nella Chiesa del Redentore