La Parrocchia di S. Domenico festeggia il suo titolare

L’8 Agosto la Chiesa festeggia S. Domenico di Guzman, sacerdote, che, umile ministro della predicazione nelle regioni sconvolte dall’eresia albigese, visse per sua scelta nella più misera povertà, parlando continuamente con Dio o di Dio. Desideroso di trovare un nuovo modo di propagare la fede, fondò l’Ordine dei Predicatori, al fine di ripristinare nella Chiesa la forma di vita degli Apostoli, e raccomandò ai suoi confratelli di servire il prossimo con la preghiera, lo studio e il ministero della parola. (Martirologio Romano)

A Ruvo al Santo originario della Vecchia Castiglia spagnola è dedicata la Chiesa costruita nel tardo 500 appena fuori dall’antica Porta Noè sul tracciato dell’antica Via Traiana. La Chiesa dal 1925 è sede della Parrocchia di S. Domenico che conta, secondo l’Istituto Centrale Sostentamento Clero, 4583 abitanti.

La Chiesa di S. Domenico presenta la facciata neoclassica, attualmente in restauro, e l’interno dai tratti prettamente tardo-barocchi. Di notevole pregio sono gli altari dedicata a S. Domenico (altare maggiore), all’Addolorata e al S. Cuore del XVII secolo e numerose opere d’arte tra cui la “Madonna delle Grazie con Santi” di Fabrizio Santafede.

Al centro dell’altare maggiore è posta la Statua del Santo di Guzman in legno intagliato e policromato risalente alla prima metà del XVII secolo. Il Santo, con la veste riccamente dipinta a motivi floreali in oro su fondo bruno, è ritratto in piedi, con un libro sul palmo della mano destra, e con un giglio nell’altra. L’attuale fiore di stoffa ha sostituito quello originario in argento. Dagli archivi si riscontra che la statua è stata restaurata nel 1968.

La solennità del titolare verrà festeggiata, il prossimo 8 Agosto, con alcune iniziative, organizzate dal parroco Don Vincenzo Speranza insieme con il gruppo giovanile parrocchiale, secondo il seguente programma:

ore 8.30: S. Messa

ore 18.45: S. Rosario e preghiera in onore di S. Domenico

ore 19.15: S. Messa solenne in onore di S. Domenico e mandato ai giovani che parteciperanno alla giornata mondiale della gioventù a Madrid in Spagna con la consegna della fiaccola.

Al termine della celebrazione presso l’Oratorio “Pio XII” (ingresso via Massari) ci sarà un momento di festa animato da musica e balli a cura dell’A.N.S.P.I. e dei giovani con la “sagra dell’anguria e del panzerotto”.

Al termine della serata giochi pirotecnici.

L’invito per la consumazione può essere ritirato presso l’ufficio parrocchiale o la sezione giovani.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Censimento delle Edicole Votive di Ruvo di Puglia Successivo Agosto Calentanese: un mese di incontri culturali al Santuario di Calentano