Art Visual Tour. Alla scoperta del Patrimonio di Ruvo di Puglia

 
L’Agenzia Pugliapromozione nell’ambito del Bando “In Puglia 365 Estate” volto alla promozione e valorizzazione delle città dell’entroterra, meno coinvolte dai flussi turistici, ha approvato, tra i numerosi progetti giunti, l’idea di “Art Visual Tour” della Coop. FeArT ente gestore del Museo Diocesano di Molfetta e promotrice di iniziative per la tutela, promozione e valorizzazione del patrimonio ecclesiastico su tutto il territorio della Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi. Questo è anche l’obiettivo principale del progetto: una strategia di promozione del patrimonio culturale – in particolare ecclesiastico – che coinvolge sia il comune di Terlizzi che quello di Ruvo di Puglia, che, tra le tante testimonianze culturali presenti in città, sono connotati in particolar modo per le opere di arte e di fede custodite nelle chiese e rettorie.
L’esperienza realizzata a Terlizzi il 26 e 27 agosto scorso, ha affascinato centinaia di visitatori che hanno potuto assistere alle suggestive proiezioni architetturali sulla facciata del complesso dell’ex convento dei Minori Osservanti, per poi registrare oltre trecento visite guidate agli affreschi seicenteschi, venuti alla luce pochi anni fa. Il parroco della chiesa Santa Maria la Nova e direttore dell’Ufficio diocesano per l’arte sacra, don Michele Amorosini, entusiasta per l’esito dell’evento ci tiene a precisare che i luoghi visitati fanno parte di «un patrimonio vasto e straordinario, il patrimonio storico-artistico della diocesi, non sempre conosciuto, ma che racconta la fede, la cultura e la storia del territorio. L’esperienza vuole far comprendere quanto l’arte riesca a suscitare sentimenti di ammirazione per il bello. Il visitatore è stato avvicinato alla conoscenza di un patrimonio che gli appartiene e che deve sentire sempre più suo per poterlo valorizzare, promuovere e trasmettere alle nuove generazioni».
In modalità simili l’evento si ripeterà a Ruvo di Puglia presso l’antica chiesa dell’Annunziata nel centro storico, dove, attraverso riprese fotografiche ad alta definizione ed installazioni video, si intende richiamare l’attenzione dei visitatori sul patrimonio ecclesiastico cittadino, unico nel suo genere, stimolandone una fruizione lenta, che sproni il visitatore a muoversi su tutto il territorio per conoscere e visitare luoghi significativi. Spettacolari riprese aeree porranno l’osservatore all’altezza dello splendido rosone della Cattedrale o a cospetto con i campanili del Purgatorio e di San Michele Arcangelo. Punti di vista insoliti che indagano gli affreschi dei santuari extra cittadini di Santa Maria delle Grazie e di Santa Maria di Calendano, sino alle splendide architetture della chiesa di San Domenico.
La scelta di realizzare l’attività nella chiesetta dedicata all’Annunciazione di Maria, si inserisce in un progetto ben più ampio che la vede luogo privilegiato per la promozione del patrimonio cittadino e diocesano in diretta relazione con il Museo Diocesano, che ha la sua sede principale a Molfetta. La piccola chiesa, infatti, ha una storia antica e le sue origini ben la connotano come luogo di tutela e conservazione.
Le proiezioni architetturali realizzate dalla Cooperativa FeArT in collaborazione con DOT Studio avranno luogo nelle giornate di sabato 9 e domenica 10, dalle ore 19 alle 23, coinvolgendo una serie di realtà professioniste nel settore e personale qualificato. L’evento è completamente gratuito per i fruitori, in quanto sostenuto dalla Regione Puglia, in accordo con l’ente proprietario dei beni – la diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi – e con il patrocinio del Comune di Ruvo di Puglia.
Precedente Memorie della chiesa e della statua lignea di San Donato a Ruvo di Puglia Successivo Un week end tra storia, natura e gusto - via Traiana e mandorle