Presentazione di “Studi Rubastini: Chiese, conventi e sacri palazzi a Ruvo di Puglia”

f1jza6wnSarà presentato stasera, 17 giugno 2015 alle ore 19.00 nell’atrio di Palazzo Jatta il volume “Studi rubastini: Chiese, conventi e sacri palazzi a Ruvo di Puglia”, promosso dalla Pro Loco di Ruvo ed edito dal Centro Stampa Litografica di Terlizzi.

Alla serata interverranno il Sindaco Vito Nicola Ottombrini, l’Assessore alle Politiche Culturali e Turistiche Pasquale De Palo, e il Presidente del comitato regionale UNPLI Angelo Lazzari. Presenterà il testo il Prof. Carlo dell’Aquila, che ha curato la prefazione dell’opera.
Anche questo secondo volume miscellaneo di “Studi rubastini” è stato curato da Cleto Bucci.
Il testo si apre con il contributo di Francesco Antonio Bernardi, dal titolo “I Frati Cappuccini a Ruvo di Puglia, dalla fondazione del convento alla sua definitiva soppressione (1607-1861)” dove l’autore sviluppa con abilità e dovizia tutte le fasi di vita della comunità cappuccina in un più ampio inquadramento: dalla nascita e fondazione ufficiale dell’Ordine (1528), all’arrivo di questo a Napoli dapprima ed in Puglia, poi, a Rugge (1533); la nascita e l’evoluzione della Provincia Cappuccina in Puglia; il ruolo del vescovo Saluzzi e della Università nella fondazione del convento a Ruvo (1607/1609). Vengono poi analizzati altri aspetti relativi al convento rubastino: la scelta dell’ubicazione nei pressi della via Traiana, e le caratteristiche architettoniche e strutturali evidenziandone per entrambi la rispondenza ai dettami delle costituzioni dell’Ordine.
Il secondo saggio è a cura di Vito Ricci. Il suo contributo si intitola “La Chiesa di San Giacomo e la commenda dell’Ordine dell’Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta”, dove affronta il tema della Commenda dell’Ordine di Malta a Ruvo, dalle prime notizie (1224) della presenza Giovannita in città fino alla sua definitiva soppressione (1806). Sulla base di documentazione archivistica dei secc. XVI-XVIII, in buona parte inedita, l’autore ricostruisce la descrizione della chiesa di S. Giacomo e delle sue pertinenze: il giardino, i pozzi e l’effimera realizzazione nelle sue adiacenze della chiesa di S. Leonardo, già crollata nel 1678. Nel saggio si seguono le fasi della vita autonoma della Commenda di Ruvo e poi dell’unione con la Commenda di Bitonto-Corato(1572). Un’altra ampia sezione viene dedicata alla analisi del patrimonio commendale. Segue infine una interessante appendice documentaria con lo stralcio del Catasto Onciario del 1752 e l’elenco dei beni commendali presi a censo dal Capitolo cattedrale rubastino.
Il terzo capitolo è stato redatto da Giuseppe Caldarola dal titolo “Il Palazzo Vescovile: un progetto di architettura e di nuova urbanità.” L’autore ricostruisce le vicende costruttive e le trasformazioni successive del Palazzo Vescovile di Ruvo, fino alla demolizione quasi totale e alla sua ricostruzione, nelle forme attuali, del 1925. Alle tante fonti documentarie riportate nel suo lungo saggio, Caldarola arricchisce il pregio del suo contributo con un significativo corredo di elaborati progettuali e di testimonianze fotografiche inedite provenienti dall’ “Archivio privato Caldarola Edili – Ruvo di Puglia”, patrimonio familiare di una importante impresa di costruzioni, che molte significative testimonianze architettoniche ha lasciato in questa Città.


La serata si concluderà con il programma musicale “Quintetto di ottoni – Amici della Musica”, alle trombe, Domenico Pellegrini e Aldo di Tommaso, al corno, Simone Lovino, al trombone, Giacomo Angarano e alla tuba, Michele Cantatore.
Precedente Cronisti alla festa dell’Ottavario del Corpus Domini. Il racconto sulle colonne della Gazzetta del Mezzogiorno (1905-1961) Successivo È deceduto il nostro Vescovo Mons. Luigi Martella