“Ruvo, Carafa e la Leggenda”: il corteo storico conquista i cuori della città

È stato il taglio del nastro da parte del Con_DSC0078sigliere metropolitano della provincia B.A.T., Giuseppe Corrado, ad aprire la terza edizione del corteo storico “Ruvo, Carafa e la Leggenda”, evento organizzato dal Centro Studi Onlus Cultura et Memoria.

Al discorso di apertura e ringraziamento della commossa presidentessa Vincenza Tedone, sono seguiti i rulli dell’ensamble di tamburi del professor Simone Salvatorelli, che hanno preparato gli animi dei già scalpitanti presenti.

Presentate dai cantastorie, ad ogni squillo di tromba, le nobili famiglie sono uscite trionfalmente dal portone dell’edificio scolastico “G. Bovio” e si sono disposte sulla scalinata, formando un meraviglioso quadro.

L’intero gruppo, assieme ai bambini e ai docenti del 1° circolo, ha sfilato verso piazza Matteotti, dove è avvenuto il leggendario scontro tra i fedeli e il vescovo, in processione per la festa del Corpus Domini, e lo spavaldo conte Ettore Carafa, interpretato dal celebre attore Luca Capuano, accolto dalle acclamazioni e dall’abbraccio caloroso dei ruvesi.

A seguire, i cantastorie hanno narrato in rima la leggenda e la storia del conte Carafa, recitando i versi preparati da alcuni studenti e docenti dell’ITSET “Tannoia”, catturando l’attenzione del pubblico; dopodiché il corteo ha ripreso il suo percorso, ravvivando le stradine del centro storico. Su quattro tappe c’erano i bambini del 1° circolo “G. Bovio” che, assieme ai docenti, hanno riproposto alcuni giochi d’epoca, suscitando entusiasmo in piccoli e grandi.

La terza edizione del corteo ha registrato un vero successo ed una grande partecipazione di cittadini e turisti, segno di una organizzazione curata e impeccabile. Al termine del corteo, tutti i figuranti sono ritornati presso l’edificio scolastico, tra applausi, sorrisi e la soddisfazione degli organizzatori e dei partecipanti, che hanno visto concretizzarsi al meglio il lavoro studiato durante tutto un anno. Si ringraziano, a nome del Centro Studi Onlus Cultura et Memoria, tutti coloro che hanno dato il loro prezioso contributo: dall’amministrazione comunale nelle persone del sindaco Vito Ottombrini e dell’assessore alla cultura Pasquale De Palo, ai presidi degli istituti scolastici coinvolti nel progetto, al comitato feste patronali, al vicepresidente della Confcommercio Vito D’Ingeo, a tutti i componenti del servizio d’ordine, ai coreografi Luigi Garofalo ed Erika Guastamacchia e tutti gli sponsor.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Ruvo, Carafa e la leggenda, percorso, orari e novità del corteo storico Successivo Cronisti alla festa dell’Ottavario del Corpus Domini. Il racconto sulle colonne della Gazzetta del Mezzogiorno (1905-1961)