Antiche devozioni mariane: la Madonna del Pozzo e la Madonna della Cintura

Il mese di agosto, attualmente timido nell’offrire occasioni devozionali mariane, nel passato era dedicato a due importanti devozioni, scomparse a Ruvo ma ancora diffuse in altre città d’Italia.

  • Chiesa del Purgatorio, la Madonna del Pozzo

Madonna Pozzo VolpeNella chiesa del Purgatorio, l’intero mese era dedicato alla devozione per la Madonna del Pozzo della quale si conserva tutt’oggi una pregevole statua lignea.

La Madonna col bambino, apparsa nel noto pozzo di Capurso, è raffigurata in piedi secondo il modello dettato dalla statua portata in processione l’ultima domenica di Agosto nel paese a pochi chilometri da Bari. La statua lignea è stata attribuita alla scultore terlizzese Giuseppe Volpe, autore a Ruvo della statua della Madonna del Carmine nell’omonima chiesa.(1)

Madonna del Pozzo e santiL’immagine, oggi posizionata nella seconda nicchia della navata destra, in passato era collocata nella prima nicchia della navata sinistra, attualmente occupata dalla pregevole statua di san Cleto. La Madonna, posta su un basamento, faceva parte di un trittico di statue che riprendeva la famosa iconografia della Madonna del Pozzo diffusa dai frati Alcantarini in cui vediamo la Vergine affiancata da san Pasquale Baylon e san Pietro d’Alcántara, raffigurati con i propri attributi iconografici.(2) In seguito ai numerosi restauri che hanno interessato la chiesa, le due statue sono state rimosse e non se ne conosce l’attuale collocazione.

Durante il mese di Agosto, nella chiesa si tenevano numerose celebrazioni in onore della Vergine, secondo modalità comuni ai “mesi” della Madonna del Carmine (luglio) e della Madonna Addolorata (settembre) celebrati rispettivamente nelle chiese del Carmine e di San Domenico.

Da documenti nell’archivio della Confraternita del Purgatorio si è potuto appurare che la devozione ebbe inizio al principio dell’ottocento e perdurò almeno fino alla metà del 1900 e, in altri documenti, risulta anche una festa esterna celebrata tra il 1830 e il 1840, periodo in cui è da collocare la realizzazione del simulacro.(3)

  • Chiesa di san Rocco, la Madonna della Cintura

Madonna della Cintura-1 2Un antico quadro ancora presente nella chiesa di san Rocco, anche se oggi relegato ad una posizione poco visibile, ci ricorda una devozione mariana del tutto dimenticata. Si tratta della Madonna della Cintura, festeggiata la domenica successiva al 28 agosto, festa di sant’Agostino.

Il quadro raffigura, secondo la consueta iconografia, la Madonna col Bambino ripresi nell’atto di donare a sant’Agostino e a santa Monica la cintura che, da quell’apparizione, diverrà uno dei simboli dell’ordine fondato dal santo di Ippona.

Madonna della Cintura, Museo Diocesano Molfetta (già nella chiesa di S. Agostino a Giovinazzo)
Madonna della Cintura, Museo Diocesano Molfetta (già nella chiesa di S. Agostino a Giovinazzo)

La presenza a Ruvo di questa devozione, minore ma molto diffusa in ambito agostiniano (si veda ad esempio il quadro della chiesa di S. Agostino a Giovinazzo, ora nel Museo Diocesano di Molfetta) è da rilevare, secondo Mons. Vincenzo Pellegrini, rettore della chiesa, al legame presente tra questa icona e l’immagine della Madonna del Buon Consiglio qui venerata. I padri agostiniani, infatti, sono i rettori del santuario maggiore della B.V. del Buon Consiglio a Genazzano (RM) e potrebbe provenire da questo legame la presenza di questa devozione nella chiesa di san Rocco.

Unico dato noto sul questo culto è presente in un manoscritto, conservato nell’archivio della Confraternita di san Rocco e risalente agli inizi del novecento. Nel testo si dice soltanto che è numerosa l’Associazione della Vergine Maria SS. della Cintura che, all’epoca, affiancava l’Associazione dell’Apostolato della Preghiera e l’Associazione della B.V. del Buon Consiglio.(4) Non si conoscono, però, ne i tempi ne le ragioni che hanno fatto spegnere questa devozione.

***

Si ringraziano per le informazioni fornite: Cleto Bucci, Mons. Vincenzo Pellegrini, Don Silvio Bruno, Tommaso Summo. Foto della Madonna della Cintura di Giovinazzo tratta da Portale BEWEB.

Print Friendly, PDF & Email

Note   [ + ]

1. F. Di Palo, Due statue di Giuseppe Volpe (1797-1876) a Ruvo, Il Rubastino, anno XXVII, n. 1., p. 22
2. Informazioni fornite da Cleto Bucci
3. G. Villani, A. Marinelli, La Confraternita del Purgatorio sotto il titolo di Maria Vergine del Suffragio, Terlizzi, 2008, p. 134
4. Documento riportato in V. Pellegrini, Ruvo Sacra, Fasano, 1994, p. 287
Precedente Iconografia di san Rocco a Ruvo Successivo La chiesa e il monastero delle monache di san Matteo