3 Maggio: festa della Santa Croce

CalvarioSi commemora oggi il ritrovamento della Santa Croce da parte dell’imperatrice Sant’Elena. Nonostante la festa liturgica sia stata ufficialmente soppressa ed unificata a quella dell’Esaltazione della Croce del 14 Settembre, a Ruvo, come in molti altri comuni, si continua a festeggiare il Salvatore anche nella giornata odierna.

I riti si concentrano nella chiesa del Carmine che ospita, tra le molte altre opere, un affresco sul soffitto raffigurante l’Esaltazione della S. Croce, una reliquia della Croce e il venerato simulacro del Cristo Portacroce detto “al Calvario”. Il simulacro ligneo, esposto per il solenne settenario accanto all’altare maggiore, fu scolpito dall’altamurano Filippo Altieri nel 1674 e recentemente è stato restaurato.

Il culto a Gesù al Calvario è sicuramente il più diffuso tra i ruvesi: numerosissime sono le edicole con l’immagine del Cristo caricato della Croce sulla via del Golgota, soprattutto nelle strade del centro antico. Fino ad alcuni anni fa, intorno a queste edicole, oggi e il 14 settembre, si tenevano grandiose feste di quartiere con elevata partecipazione popolare e con musica, luci e mortaretti.

Il programma predisposto quest’anno dall’Arciconfraternita del Carmine prevede, per oggi:

SS.Messe ore 8.00 – 9.00
ore 08.30 in contrada Pantano diana a devozione dei ”F.lli Avella” snc
Bassa Banda per le vie cittadine;
ore 10.30 Santa Messa e Supplica;
ore 17.30 Santo Rosario;
ore 18.00 Santa Messa per tutte le Associazioni di Gesù al Calvario;
ore 19.00 Lancio di un pallone aerostatico

Print Friendly, PDF & Email
Precedente San Cleto in Cattedrale. Testimonianze di un culto secolare Successivo La processione delle rogazioni a Ruvo nel giorno dell'Ascensione