San Francesco da Paola a Ruvo. Un santo del sud dimenticato.

S. Francesco da Paola, chiesa del Purgatorio, (da Villani, Marinelli, 2008)
S. Francesco da Paola, chiesa del Purgatorio, (foto tratta da Villani, Marinelli, 2008)

Il 2 aprile si commemora nel suo dies natalis san Francesco da Paola, santo calabrese eremita. Fondò l’Ordine dei Minimi prescrivendo ai suoi discepoli di vivere di elemosine, senza possedere nulla di proprio né mai toccare denaro, e di mangiare sempre e soltanto cibi quaresimali; chiamato in Francia dal re Luigi XI, gli fu vicino nel momento della morte; morì a Plessy presso Tours il 2 aprile del 1507. La devozione al santo si diffuse presto nel sud Italia e nell’Italia intera.

Attecchì anche nella nostra Ruvo, in particolare nella chiesa del Purgatorio. Qui si venerava una statua della fine del settecento (ora nel deposito confraternale) che raffigurava il santo paolano: si trattava di un manichino vestito con testa, mani e piedi in legno. Il simulacro necessita di notevoli interventi di restauro, visto la stato in cui versa. Era esposto, prima degli ultimi restauri, nella III nicchia della navata sinistra della chiesa.

San Francesco da Paola, chiesa SS. Redentore
San Francesco da Paola, chiesa SS. Redentore

Il popolo ruvese fu molto devoto al santo: ciò si desume da alcuni documenti nell’archivio della Confraternita. In preparazione alla festività, si teneva un solenne triduo in onore del santo.

Altra testimonianza viene dalla chiesa del SS. Redentore. Tra le numerose statue di santi e sante si venera una statua in cartapesta di san Francesco da Paola che stringe la mani sul petto dove si scorge lo stemma dell’ordine dei minimi: un sole con all’interno la scritta “CARITAS”, motto del santo e dell’ordine. La statua, già in chiesa nel 1915, fu realizzata dalla scultore Bruno.

Oggi, in entrambe le chiese, il culto è del tutto scomparso. Rimangono a perenne ricordo solo le due pregevoli sculture.

Bibliografia:

Note agiografiche da www.santiebeati.it

G. VILLANI, A. MARINELLI, La Confraternita del Purgatorio sotto il titolo di “Maria Vergine del Suffragio”, Terlizzi, 2008

AA.VV., La Chiesa del SS. Redentore in Ruvo. Aspetti di storia urbana, civile e religiosa […], Terlizzi, 2003

Precedente Perché cercate tra i morti colui che è vivo? - la domenica di Pasqua a Ruvo Successivo San Vincenzo Ferrer nella chiesa di san Domenico