Festa della Candelora. La tela nella chiesa di San Domenico

candelora027_miniOggi, 2 febbraio, si festeggia la Presentazione di Gesù al Tempio e la Purificazione di Maria, ricorrenza nota col nome popolare di Candelora. Alla Purificazione della Vergine è dedicata a Ruvo una confraternita, nata nel 1719 in seguito alle missioni gesuitiche della fine del 600, che aveva la primordiale sede nella chiesa di San Carlo.

Pochi anni dopo la Confraternita trasferì la sua sede nella chiesa della Madonna di san Luca, ora santuario dei Santi Medici, dove si svolsero le riunioni e l’esercizio della pietà. Risale a questi anni la tela venerata nel corso della festa liturgica odierna.

La tela, inizialmente attribuita a Corrado Giaquinto, poi a Paolo de Matteis, infine a Giuseppe Mastroleo, era collocata sull’altare maggiore della chiesa della Madonna di San Luca. Con il trasferimento nella chiesa di S. Domenico, la tela venne posto sul primo altare laterale sinistro.

L’opera riproduce fedelmente la narrazione dell’episodio nel Vangelo di Luca, in particolare:

Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d’Israele; […] Mosso dunque dallo Spirito, si recò al tempio; e mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per adempiere la Legge, lo prese tra le braccia e benedisse Dio (Luca 2, 25-28)

Al centro del dipinto vi è, infatti, il vecchio Simeone che tiene tra le braccia il bambino sgambettante dal quale irradia la luce divina. Maria, con le mani protese, guarda amorevole il bambino, San Giuseppe tiene nelle mani una candela accesa, simbolo della festività odierna. Alle spalle una donna tiene nelle mani un cesto con alcune tortore, offerta rituale al tempio. Il tempio è rappresentato da una colonna appena visibile e da un panneggio in alto. In basso, completano la scena due santi gesuiti significativi per la congrega: San Ignazio di Loyola, al quale era inizialmente dedicata la Confraternita, e San Francesco Saverio rappresentati con il tradizionale abito scuro.

Stasera, nella chiesa di S. Domenico, durante la S. Messa si terrà la rituale benedizione delle candele e al termine alcuni scherzi pirotecnici in piazza Bovio.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Presentazione del libro "Culto, devozione e immagine di S.Antonio" in diocesi Successivo Festa patronale di San Biagio. Note sulla Cappella in Cattedrale e sulla statua lignea.