Ruvo e il Sacro Cuore di Gesù. Cenni storici sul centro locale della Guardia d’onore.

Il mese di Giugno è tradizionalmente dedicato al culto del Sacro Cuore di Gesù Cristo. La fioritura della devozione, nata con i monaci benedettini, si ebbe nel corso del XVII secolo ad opera di Santa Margherita Maria Alacoque alla quale apparve per quattro volte il Sacro Cuore del Signore coronato di spine. Fu solo nel 1856, però, che la festa venne resa universale per tutta la Chiesa da Papa Pio IX che ne fissò la data al terzo venerdì dopo la Pentecoste. Sull’onda della devozione sorsero presto molte cappelle, oratori, chiese, basiliche e santuari dedicati al Sacro Cuore di Gesù e nacquero in tutto il mondo numerose associazioni che si occupavano di tener vivo il culto tra la popolazione.

Tra le associazioni più attive troviamo quella della Guardia d’Onore al Sacro Cuore di Gesù, ispirata da Cristo il 13 marzo 1863 alla serva di Dio Sr. Maria del S. Cuore, nata Costanza Bernaud, che si adoperò fino alla sua morte (3 agosto 1903) per far conoscere la Guardia d’Onore e la necessità di amare il S. Cuore. La Guardia d’Onore si ricollega idealmente a quelle prime Guardie onorarie – Maria Santissima, Giovanni Evangelista, Maria Maddalena e altre pie donne – che consolarono con le loro adorazioni il divino Morente. Furono le prime a contemplare lo spasimo infinito del Cuor di Gesù trafitto dalla lancia e anche le prime a tributargli quel culto che ora le Guardie d’Onore gli offrono incessantemente.

A Ruvo il centro locale dell’associazione della Guardia d’Onore fu costituito il 30 agosto 1906 nella chiesa del Carmine con Direttore il Can.co don Angelo Anelli. Nella Chiesa è ancora oggi visibile, a testimonianza di ciò, un gruppo statuario vestito che raffigura l’apparizione del Signore a S. Margherita Maria Alacoque.

Dal 1° venerdì del 1914, per accordo intercorso col vescovo mons. Pasquale Berardi, l’Associazione si trasferì nella chiesa Cattedrale diretta, stavolta, dal Can.co don Giuseppe Pellegrini. In Cattedrale si venera, nella prima cappella della navata sinistra, una statua in cartapesta raffigurante il Signore che indica con la mano destra il suo S. Cuore infiammato e coronato di spine. La statua viene portata in processione, dagli associati alla Guardia d’Onore, il lunedì successivo alla festa liturgica in occasione dei festeggiamenti dell’Ottavario del Corpus Domini.

Negli anni, si sono avvicendati diversi direttori alla guida del centro ruvese, tra i quali ricordiamo: don Francesco Volpe, don Pasquale De Venuto e don Salvatore Summo, attuale direttore in carica dal dal 1° settembre 1983.

Il centro ruvese, a carattere cittadino, conta ad oggi circa 650 iscritti divisi in: fanciulli di ambo i sessi, giovani e adulti di qualsiasi età.

Di seguito il programma predisposto per lunedì 18 giugno:

ore 18,00: Cattedrale Processione “Cuore di Gesu’ “ accompagnata dal Concerto Bandistico “B. Giandonato” diretto dal Maestro Rocco Di Rella. ITINERARIO: Via Cattedrale, Corso G. Jatta, Piazza Dante,Corso Cavour, Piazza Bovio, Corso Carafa, Corso Gramsci, Piazza Matteotti, Piazza F. Cavallotti, Corso G. Jatta, Via Cattedrale.

ore 19,30: celebrazione Eucaristica presieduta da Don Salvatore Summo Parroco della Cattedrale e Direttore della Guardia d’Onore al S. Cuore, con la partecipazione del coro S. M. Assunta.

(note e foto tratte da www.cattedraleruvo.it)

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Festa patronale dell'Ottavario del Corpus Domini: le origini della festa nella tradizione orale Successivo Le foto della processione del S. Cuore di Gesù