Festa della Madonna delle Grazie. Oggi, 16 Maggio la festa religiosa. Martedì 22 la Sagra Campestre

Ha svegliato la città intera con il suo fragore la diana che questa mattina alle ore 8.00 ha aperto i festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie che si tengono nell’omonimo santuario.

Il Santuario della Madonna delle Grazie sorge su di un precedente edificio di culto rurale, sito ad 1 km dalla città di Ruvo, sulla via che conduce verso Palo del Colle e Bitonto. La cappella originaria, della fine del ‘300, era costituita da un’aula unica rivolta a sud in cui veniva venerato un affresco di modesta fattura raffigurante la Madonna in atto di porgere il seno al Figlio, nudo e benedicente.

A causa delle modeste dimensioni dell’aula per un culto sempre più intensificato, nel 1645 il vescovo pro tempore Cristoforo Memmolo autorizzò la destinazione della cappella a sacrestia e la costruzione di un nuovo tempio rivolto ad occidente, ad aula unica voltata a botte su arconi laterali.

La porzione di muro interessata dal dipinto fu traslata nella nuova sede ed enfatizzata da un esteso trompe-l’oeil, riproducente una fastosa macchina d’altare barocca.

Il prospetto a capanna con blocchetti in calcare faccia vista è bipartito da cornice e fiancheggiato da paraste; presenta inoltre un finestra a timpano spezzato in asse ad un portale con trabeazione su mensole a voluta con teste di cherubini, sovrastata da un rilievo lapideo, ispirato all’immagine venerata ed incluso nel sottarco di un’ampia lunetta.

La festa religiosa, iniziata con la novena e il solenne triduo nei giorni scorsi, si svolgerà per tutta la giornata con numerose S. Messe. Da segnalare, la S. Messa vespertina delle ore officiata dal Vescovo della Diocesi di Ruvo, Molfetta, Giovinazzo, Terlizzi S.E. Mons. Luigi Martella.

La festa esterna, in passato chiamata “Sagra Campestre”, si terrà, come tradizione vuole, il martedì della settimana seguente a quella della festa religiosa, ossia il prossimo 22 Maggio. Durante tutta la giornata saranno officiate numerose S. Messe e la Chiesa resterà aperta tutta il giorno per il copioso pellegrinaggio di tanti fedeli e devoti. In serata i fuochi d’artificio chiuderanno, come tradizione, la festa, tra le più sentite dai fedeli rubasti.

Precedente Festa dell'Esaltazione della Croce. Il 3 Maggio nella Chiesa del Carmine Successivo A.P.O. e U.C.I.. "Arte in Chiesa". Il 24 maggio presso la Chiesa di San Giacomo Apostolo